CURIOSITA’

PERCHE’ SCEGLIERE UN CORSO DI DANZA ORIENTALE? 

ll deserto…

Emanuela racconta: “Se viaggio con  la mente a piu di 15 anni fa nel lontano 1999, non ricordo cosa mi colpi particolarmente di questa danza, lavoraro a Sharm el Sheick accompagnavo ogni  giorno  i turisti in magiche escursioni nel deserto del Sinai…ed è qui che i Ritmi le movenze, e la forza della danza folkloristica saidi s’impossessarono  totalmente del mio cuore e della mia anima. Ricorderò sempre questi gruppi di ballerini locali, che si esibivano sotto il chiarore della Luna e del cielo stellato, circondati dalle scenografiche montagne del deserto del sinai…troppo suggestivo!

Ho frequentato 15  anni di danza , classica, moderna e contemporanea, per poi passare alla danza mediorientale…. e confermo che  i benefici della danza orientale sono davvero tanti e molto diversi da tutte le altre discipline.

Aspetto Fisico: Fisicamente ci tengo a specificare che non viene coinvolto solo il bacino, ma tutto il corpo dalla testa  alla punta dei piedi,  è completamente un toccasana per articolazioni, tonificazione della pancia, del seno, circolazione delle gambe. Rinforzo  muscolare, equilibrio. Tutto viene allenato, ogni parte del corpo si risveglia, le mani, i polsi, le spalle, il busto. A trarne beneficio spesso in particolar modo è anche la schiena. Soprattutto per chi conduce una vita sedentaria, un lavoro d’ufficio, in cui la postura purtroppo è sacrificata.

Aspetto Mentale-psicologico :Quest’arte agisce molto nella psiche e nell’anima. Se la musica, il ritmo e le dolci melodie mediorientali entrano nel nostro corpo….l’ora di danza diventerà  un vero benessere, un’ora di svago, di beneficio mentale. Questo ballo, concentrato solo su noi stesse, e sul lavoro di gruppo , ci stimola ad apprezzare le nostre singole capacità. Lavorare con il nostro corpo allo specchio, ci aiuta ad apprezzarci maggiormente. La femminilità di ogni donna , la nostra autostima, vengono esaltate da questa antichissima danza.

ABBIGLIAMENTO ADATTO PER LE LEZIONI DI DANZA ORIENTALE:

Come vestirsi a lezione. Comodamente, come piu ci sente a nostro agio. Consiglio un paio di fuseax o pantajazz, una canotta, o un top (scoprendo la nostra pancia, si scoprono i poteri delle nostre fasce addominali).

Possiamo arricchire il nostro abbigliamento con un foulard con medagliette messo in vita, per accentuare il movimento dei nostri fianchi, e attraverso il “tintinnio” delle monetine, essere soddisfatte dei nostri movimenti.

Consiglio piedi scalzi, o con calzini, o scarpette da mezza punta, o per le piu esperte  i sandali alla schiava.

Proseguendo il nostro cammino danzante, l’abbigliamento diviene un punto molto importante, curare i costumi durante le esibizioni è davvero fondamentale.

Sapersi vestire a seconda dello stile che si va a rappresentare è importantissimo per chi ci ammira durante le nostre perfomances, soprattutto se a guardarci sono persone che se ne intendono.

RAQS SHARQI ovvero DANZA ORIENTALE:

Il termine danza del ventre, fu  coniato erroneamente ai tempi di Napoleone che con la dicitura danse du ventre classificò  tutte le ballerine che si esibivano con l’ombelico scoperto. In realtà il termine piu giusto per quest’arte è danza mediorientale in arabo RAQS SHARQI (raqs el sharqi).

La danza mediorientale a sua volta si scinde in due grandi famiglia la danza mediorientale CLASSICA  e FOLKLORISTICA.

All’interno della danza classica e folkloristica a sua volte troveremo moltissimi altri stili, che si distinguono per zona di provenienza, tipologia di ritmo, di storia , e di costumi.

I LOVE CAIRO

Khan el Khalil

Per ogni Ballerina doc tappa obbligatoria ogni anno al Cairo (sperando che presto potremo tornarci come un tempo….)